Ma un impianto dentale dura tutta la vita?

03/03/2020

Ma un impianto dentale dura tutta la vita?
Probabilmente anche tu stai aspettando il momento giusto per deciderti a fare quegli impianti dentali. 
Magari stai aspettando il coraggio perché, come la maggior parte della gente, non riesci proprio a controllare quella fobia del dentista. 
O magari hai semplicemente bisogno di racimolare qualche risparmio per investirli nel tuo sorriso. 
Sai che lo sforzo da fare è davvero importante ma puoi immaginare quanto questo sacrificio possa cambiare radicalmente la tua vita. 
In tanti ti avranno detto che in fondo quel buchino non si nota poi così tanto, ma ogni volta che hai modo di vedere la tua immagine riflessa in uno specchio, tu senti quella forte stretta allo stomaco e cominci a guardarti intorno per capire se qualcuno si è accorto di quella tua mancanza. 
E anche se cerchi di non pensarci, ogni volta che ti siedi a tavola per mangiare, o ad un bancone di un bar per il tradizionale aperitivo con gli amici, tu non riesci proprio a goderti il momento. 
Mastichi male e poi pensi e ripensi che se ti metti la mano davanti alla bocca forse si accorgeranno di più, mentre se magari fai finta di nulla nessuno noterà la tua menomazione. 

E se non è così?  Se tutti la notano ma per garbo non te lo dicono?  Come puoi nascondere la bocca?  Come puoi rinunciare al tuo sorriso?  Come fai a sopportare questo terribile disagio tutti i santi giorni?  

Quindi armato di coraggio raccogli tutti i tuoi risparmi perché sei sicuro che una volta inseriti gli impianti ed i nuovi denti il problema non ci sarà mai più. 
Ma lo sai che un impianto in realtà è una vite in titanio che deve sostituire la radice di un dente naturale? 
Capisco che solo il pensiero che si tratti di una vite di metallo possa averti illuso che questa possa stare per sempre nel tuo osso senza dare più problemi. Purtroppo le cose non stanno esattamente in questo modo. E ciò che è peggio e che non sempre questa informazione viene data ai pazienti dai propri dentisti. 
Vedi, questa vite viene inserita in altre strutture vitali come osso e gengiva e proprio per questo motivo, una volta applicati nella tua bocca, possono subire tutti i processi di attacco dei miliardi di batteri che proliferano sempre nella bocca. 
Quindi malattie delle gengive come parodontite (detta anche piorrea) che provocano prima il sanguinamento delle gengive e, se trascurate nel tempo, successiva perdita dei denti, nel caso in cui al posto di un dente ci sia un impianto, attaccheranno l’osso attorno all’impianto che, potrebbe venire via dalla gengiva, esattamente come accade con i denti. 
Per questo motivo in caso di pazienti predisposti a malattie parodontali la terapia implantare non sarebbe mai troppo consigliabile e spetta al dentista il compito di effettuare una valutazione accurata dello stato di salute delle gengive del paziente prima di procedere ad una eventuale chirurgia implantare. 
Nel caso in cui il dentista specialista implantologo ritenga di poter procedere all’inserimento di uno o più impianti, il pericolo di eventuali perimplantiti potrà essere tenuto sotto controllo con continui controlli e cicli di igiene professionale regolarmente eseguiti.

Ma esiste un altro terribile pericolo per il tuo impianto e questa volta la colpa non è dei batteri.
Proprio perché un impianto deve fare esattamente le veci delle radici di un dente, è fondamentale che il dentista che effettua la chirurgia sia specializzato in questa disciplina che si chiama implantologia. 
Negli ultimi anni la maggior parte dei dentisti ha deciso di inserire questa disciplina nel proprio studio ma devi sapere che scegliere un professionista esperto è davvero fondamentale per la sopravvivenza del tuo nuovo impianto. Non si tratta di inserire solo una vite nell’osso. Nella bocca ci sono arterie e nervi che devono essere sempre preservati e lavorare in un contesto molto piccolo in cui sangue e saliva oscurano la visuale del dentista, rende questo intervento chirurgico non così facile come tanti vogliono farti pensare. 
Ma non è tutto
Quando un dente naturale manca dalla tua bocca da molto tempo, la posizione degli altri tuoi denti in qualche modo subisce delle variazioni ed è compito del dentista intuire perfettamente quale dev’essere la posizione corretta del nuovo impianto, in modo che il dente finto che verrà avvitato sopra possa svolgere le funzioni che avrebbe svolto il dente naturale. Il nuovo dente dovrà essere in asse perfetto con gli altri tuoi denti naturali (oppure con altri impianti o protesi) antagonisti, ovvero che si trovano nell’arcata opposta, perché in caso contrario la funzione masticatoria sarà alterata e, con il tempo, le vibrazioni subite dall’impianto non inserito in posizione corretta, potrebbero determinare un suo svitamento dall’osso. 
Solo dentisti che effettuano da molti anni implantologia e che hanno un bagaglio culturale specifico possono riuscire ad ovviare questo problema. Ma solo parzialmente. Perché anche se un professionista è molto esperto non tutte le anatomie delle bocche dei pazienti sono uguali e nei minuti che intercorrono tra l’apertura della gengiva e l’inserimento dell’impianto, il dentista dovrà fare mille valutazioni gestendo pure, nello stesso momento, gli imprevisti che nella pratica operatoria sono quasi all’ordine del giorno. Questo significa dunque che i tuoi impianti sono sempre a rischio di sopravvivenza? Come poter fare per avere la certezza di sottoporsi ad un intervento sicuro e risolutivo?

Da qualche anno sta prendendo campo una nuova tecnologia che consente al dentista di pianificare l’intervento chirurgico in anticipo con l’ausilio di un software: si tratta della Chirurgia Guidata.
Grazie a questa tecnologia, il dentista inserisce i dati diagnostici del paziente, raccolti con un esame radiografico cone beam, in un computer che consente poi al medico di effettuare un progetto personalizzato sulla situazione della bocca rilevata dai dati inseriti. 
Il medico avrà dunque una visibilità chiara dell’anatomia del paziente e avrà modo di progettare la tipologia, la dimensione e la posizione di ogni impianto calcolando al millimetro tutti i parametri da tenere in considerazione affinchè quegli impianti svolgano nel modo corretto tutte le loro funzioni in un futuro che sarà più lungo possibile. 
Una volta approvato il progetto definitivo il dentista riceverà dal suo laboratorio tecnico una mascherina di resina che posizionata nella bocca del paziente permetterà al clinico di inserire gli impianti esattamente nella posizione progettata. 
Questa mascherina contiene alcuni fori molto piccoli che guidano il dentista durante tutta la fase di inserimento degli impianti nell’osso. Quando possibile, inoltre, il clinico potrà inserire gli impianti solo attraverso questi piccoli fori evitando così incisioni profonde della gengiva che sono spesso la causa di gonfiori ed ematomi post-operatori. 
La chirurgia guidata è una tecnologia relativamente nuova e ad oggi non sono molti i dentisti esperti in grado di saper utilizzare questo metodo nel modo corretto e sicuro per il paziente. Sicuramente i clinici esperti in chirurgia guidata dovranno avere una comprovata esperienza in implantologia tradizionale. In mani poco esperte, infatti, anche questo strumento potrebbe trasformarsi da una tecnologia creata per garantire al paziente un intervento sicuro e predicibile, in una arma capace di aumentare la percentuale di fallimento implantare. 
Quindi sempre MASSIMA ATTENZIONE ALLA SCELTA DEL PROFESSIONISTA prima di sottoporti ad una chirurgia implantare in generale e a maggior ragione nel caso di una chirurgia computer guidata. Nella nostra clinica pratichiamo questa nuova tecnica di chirurgia guidata ormai da quasi 10 anni e disponiamo di sale operatorie specificamente dedicate alla implantologia e di tecnologie come la tac cone beam 3D e scanner ottici per acquisire le impronte digitali . 
Tutto questo ci ha permesso di eseguire centinaia di interventi di implantologia in maniera conservativa, mini invasiva e con risultati assolutamente straordinari. Chiama per una valutazione specialistica gratuita il numero 0573 26232 per avere il tuo piano di trattamento.
Fissa un Appuntamento
Odontoiatria La Scala